Notizie Locali

Cernusco Sul Naviglio Porte Aperte di Sera in Biblioteca

A Cernusco sul Naviglio, porte aperte anche di sera in Biblioteca: al via la sperimentazione

L’Amministrazione va incontro ai giovani studenti e apre quattro sere a settimana una sala studio

 

Una sala studio aperta dalle 20.30 alle 23.30 dal martedì al venerdì: parte la sperimentazione di apertura della Biblioteca civica. Il progetto che ha preso il via il 1 febbraio, è frutto di un lavoro di ascolto dei bisogni dei ragazzi oltre che di collaborazione sinergica tra vari assessorati. Nei mesi scorsi, infatti, un gruppo di giovani studenti che frequentano la Biblioteca civica si è rivolto all’Amministrazione Comunale per chiedere di prendere in considerazione l’idea di aprire alcuni spazi anche nelle ore serali così da andare incontro in particolare alle esigenze degli studenti universitari. Al progetto vi hanno lavorato tre diversi assessorati - quello ai Servizi al Cittadino in capo a Luciana Gomez, quello alla Biblioteca gestito dall’assessore Mariangela Mariani e quello alla Partecipazione in capo a Nico Acampora – e si inserisce nel percorso di partecipazione e confronto tra i giovani della città e l’Amministrazione Comunale che sta portando avanti il consigliere Alessandro Galbiati su specifica delega ricevuta lo scorso autunno. “Un bel lavoro di squadra di cui sono molto soddisfatto - dice il sindaco Ermanno Zacchetti -. In pochi mesi siamo riusciti a mettere intorno a un tavolo ragazzi e Comune, insieme capire i loro bisogni e immaginare una sperimentazione che possa poi fare da apri pista a progetti più ampi per il futuro”. Per il momento sarà accessibile una sola sala della Biblioteca, in concomitanza con il periodo più impegnativo per i giovani studenti universitari che, vicino al momento delle sessioni di esame, hanno esigenza di poter proseguire lo studio anche nelle ore serali. La sala della Biblioteca riservata è comunque aperta a chiunque abbia la necessità di un luogo serale dove studiare o leggere. Ad oggi la gestione del servizio è realizzata in collaborazione con il Consorzio Exit, la stessa cooperativa che gestisce il Centro di Aggregazione Giovanile, e coinvolgerà in ruoli attivi gli stessi ragazzi, facendo di questo progetto un vero esperimento di partecipazione; nelle prossime settimane, in base alla risposta degli studenti, ci sarà un secondo momento di confronto per capire come proseguire nel progetto.